Contatto Segnala il Sito
Pagina iniziale del PortaleCerca nel Portale
ProlocoSalento.it » Santa Maria al Bagno » LE TORRI COSTIERE A NARD̉  
Informazioni
»Home Page Pro Loco
»Il Direttivo
»Recapiti
»Modulo di contatto
»Segnala questo Sito!
»Firma Libro delle Visite
»Leggi Libro delle Visite
Logo Santa Maria al Bagno
Posta ElettronicaE-Mail
Segnala questo sito!Segnala il Sito


Versione StampabileVersione stampabile

Accedi all'Area Riservata
Cerca nel Portale delle Pro Loco
Le Aree!
»Grecia Salentina
»Nord Salento Adriatico
»Nord Salento Jonico
»Sud Salento Adriatico
»Sud Salento Jonico

LE TORRI COSTIERE A NARD̉

Le torri costiere

LE TORRI COSTIERE A NARD̉
a cura di
Serena Falconieri e Stefano Manca
volontari del Servizio Civile Nazionale
presso
Pro Loco Santa Maria al Bagno

Le torri “della serie di Nardò” sono differenti da quelle tipiche del regno di Napoli e più simili alle torri delle masserie.

Le torri viceregnali hanno, infatti, la caratteristica di essere di piccole dimensioni, prive di qualsiasi impianto decorativo e legate alla essenzialità. Sono, praticamente, semplici torri d’avvistamento dalla pianta quadrata, con un ingresso al piano superiore a cui si accede attraverso una scala. L’unico piano agibile comprende solo un locale voltato a botte.

L'imponente "serie delle torri di Nardò" sorge lungo una costa di circa trenta chilometri. Si tratta di cinque torri a cui, in seguito, sono state aggiunte quelle di Uluzzu e Inserraglio, di tipo viceregnale, che completano la linea difensiva.

Tutte le torri sono poste ad intervalli regolari a una distanza media di due chilometri e mezzo.

Dal punto di vista tipologico le torri della serie di Nardò si differenziano da quelle viceregnali innanzitutto per le dimensioni, ma anche per la presenza di una monumentale scala fissa di accesso al piano agibile.

La pianta fissa è a forma quadrata e scarpata alla base. Sono dotate, al secondo piano, non di feritoie (che ritroviamo nelle torri viceregnali), ma di vere e proprie finestre.

Le scale interne, che portano al terrazzo, sono ricavate nelle mura perimetrali che hanno, di solito, uno spessore di tre metri. Le coperture sono a botte. Molto spesso sul terrazzo erano poste delle guardiole di rifugio per la sentinella.

Il materiale di costruzione è generalmente tufo o in carparo.

Poco si sa su chi le abbia commissionate. L’ipotesi più accreditata è che sia stato il feudatario della zona.

Ultimo aggiornamento: 09/03/2006 (16:09)
Altri documenti
»La preistoria
»La Sorgente
»Piazza Salandra a Narḍ
»Narḍ: cenni storici
»CHIESA DI SAN TRIFONE
»FONTANA DEL TORO
»GUGLIA DELL'IMMACOLATA
»PALAZZO DELLA PRETURA
»IL SEDILE
»LE TORRI COSTIERE A NARD̉
»ITINERARIO: LE TORRI
»TORRE DELL’ALTO
»TORRE ULUZZU
»TORRE INSERRAGLIO
»TORRE DI SANT’ISIDORO
»VISITA AD ACAYA
»Gita a Rapolla e Melfi
»Lettera al Sindaco
»Gita in Sicilia
»Viaggio in Sicilia
»Gita in Calabria

Foto del Salento
»FOTO
 
Home Il Consiglio Modulo di Contatto Segnala il Sito Cerca GuestBook

Ass.ne Pro Loco del Salento
Viale Francesco Ferrari 5, Casarano Lecce
Per informazioni: Tel./Fax 0833/513351
Giuseppe Botrugno: e-mail - Beatrice Arcano: e-mail
E-mail: info@prolocosalento.it
Vietata la riproduzione, anche parziale, dei contenuti del sito.
L'Associazione non è responsabile
dei documenti e delle foto pubblicate dalle singole Associazioni aderenti.