Contatto Segnala il Sito
Pagina iniziale del PortaleCerca nel Portale
ProlocoSalento.it » Santa Maria al Bagno » La Sorgente  
Informazioni
»Home Page Pro Loco
»Il Direttivo
»Recapiti
»Modulo di contatto
»Segnala questo Sito!
»Firma Libro delle Visite
»Leggi Libro delle Visite
Logo Santa Maria al Bagno
Posta ElettronicaE-Mail
Segnala questo sito!Segnala il Sito


Versione StampabileVersione stampabile

Accedi all'Area Riservata
Cerca nel Portale delle Pro Loco
Le Aree!
»Grecia Salentina
»Nord Salento Adriatico
»Nord Salento Jonico
»Sud Salento Adriatico
»Sud Salento Jonico

La Sorgente di Santa Maria al Bagno

La Sorgente di Santa Maria al Bagno

La sorgente

La sorgente fu molto importante nell'antichità e anche in tempi più recenti per i paesi del circondario in quanto le venivano riconosciute spiccate proprietà curative. Fino a pochi anni fa, quando le falde erano ancora integre e non inquinate, nelle serate d'estate la gente era solita incontrarsi alla sorgente, gustare le frise bagnate con l'acqua sorgiva e condite con l'olio di oliva ed il pomodoro; era un'occasione d'incontro per trascorrere un po' di tempo in compagnia, dissetandosi con la fresca acqua della sorgente. Ci auguriamo che l'acqua torni come una volta, se riusciremo a togliere le cause d'inquinamento. La pro Loco più volte in estate rinnova la tradizione con allegre frisellate alla sorgente.

La spiaggia della sorgenteDai primi anni del 900 S. Maria iniziò la rinascita e divenne la spiaggia di benestanti che realizzarono belle dimore intorno alla piccola insenatura; ma anche dei poveri che venivano dai paesi vicini e alloggiavano in casupole di paglia lungo la scogliera. Nel 1930 a seguito di una disputa tra diverse municipalità, S. Maria passò dal comune di Galatone a quello di Nardò.

S. Maria fu centro di profughi; prima stazionarono 30.000 slavi poi nel 1946 divenne campo di profughi ebrei-polacchi scampati allo sterminio nazista ed in viaggio verso la terra promessa d'Israele. Rimangono a testimonianza dell'avvenimento i murales dipinti sui muri di una vecchia casa. Attualmente la struttura è in pessime condizioni di degrado; ci piacerebbe vederla risanata e conservata per farne un piccolo museo della memoria della shoah. Il nostro desiderio è stato esternato anche all'attuale Commissario Straordinario del comune di Nardò.

Negli ultimi anni si è realizzato uno sviluppo edilizio abnorme e incontrollato che ha provocato seri guasti al territorio e al paesaggio. Ci auguriamo che si possa porre rimedio.

È desiderio di tutti noi di dotare S. Maria di tutte quelle strutture necessarie, incluso una scuola elementare perchè la frazione si ripopoli e diventi una località turistico balneare in linea con i tempi.

Ultimo aggiornamento: 19/01/2003 (19:56)
Altri documenti
»La preistoria
»La Sorgente
»Piazza Salandra a Narḍ
»Narḍ: cenni storici
»CHIESA DI SAN TRIFONE
»FONTANA DEL TORO
»GUGLIA DELL'IMMACOLATA
»PALAZZO DELLA PRETURA
»IL SEDILE
»LE TORRI COSTIERE A NARD̉
»ITINERARIO: LE TORRI
»TORRE DELL’ALTO
»TORRE ULUZZU
»TORRE INSERRAGLIO
»TORRE DI SANT’ISIDORO
»VISITA AD ACAYA
»Gita a Rapolla e Melfi
»Lettera al Sindaco
»Gita in Sicilia
»Viaggio in Sicilia
»Gita in Calabria

Foto del Salento
»FOTO
 
Home Il Consiglio Modulo di Contatto Segnala il Sito Cerca GuestBook

Ass.ne Pro Loco del Salento
Viale Francesco Ferrari 5, Casarano Lecce
Per informazioni: Tel./Fax 0833/513351
Giuseppe Botrugno: e-mail - Beatrice Arcano: e-mail
E-mail: info@prolocosalento.it
Vietata la riproduzione, anche parziale, dei contenuti del sito.
L'Associazione non è responsabile
dei documenti e delle foto pubblicate dalle singole Associazioni aderenti.